Perché cambiare è l’unico modo per superare un ostacolo

Il tuo lavoro ti mette continuamente di fronte a sfide e ostacoli. E’ normale che succeda ed è una condizione a cui non puoi sfuggire.

Anche la più attenta pianificazione può subire dei rallentamenti per il sopraggiungere di un evento imprevisto.

E’ importante, quindi, affrontare il tuo percorso con la consapevolezza che all’occorrenza dovrai essere flessibile quanto basta per adattarti a una situazione nuova.

Ma affrontare tale prospettiva, soprattutto se l’ostacolo da superare è impegnativo, spaventa la maggior parte delle persone. Di seguito ti elencherò i meccanismi che generano i comportamenti di chi non vuole affrontare un cambiamento importante (nel lavoro, nella vita).

Conoscendoli eviterai di cadere nella trappola della procrastinazione, dannosa per te e il tuo lavoro.

1# Avere paura del futuro

L’incertezza e l’assenza di una visione chiara di ciò che intendi fare possono produrre effetti negativi sulle tue capacità decisionali. Uno molto frequente è il timore di ciò che accadrà domani, proiettando ansia e paure in un orizzonte temporale fuori dal nostro controllo.

Ed è proprio questa la chiave per capire perché molte persone si trovano in questa condizione: sono vittime dell’illusione di poter controllare ogni aspetto della loro vita. In realtà, l’unico momento che possiamo gestire al meglio è il presente: tu sei qui, ora e sei consapevole di questo preciso istante.

Agisci adesso e lascia che le cose successe scivolino alle spalle, pianificando quello che vuoi che sia il tuo futuro. Non tutto quello che avrai progettato si realizzerà, ma almeno avrai stabilito quale direzione intraprendere e avrai costruito la bussola per orientare le tue scelte future.

2# Rimuginare sul passato

Tutti hanno vissuto nel passato momenti difficili e dolorosi. Alcuni eventi, però, segnano talmente alcune persone che non riescono a liberarsi del loro fardello.

Un simile atteggiamento produce solo inerzia e incapacità di affrontare le sfide di oggi e quelle di domani. So che è difficile e sicuramente ti sarà capitato di ripensare ad un momento poco felice della tua vita.

Ma rifletti sul fatto che tutto quello che è stato non tornerà mai più. E anche gli eventi negativi servono a forgiare la personalità di una persona, se ci pensi. Non saresti diventato quello che sei oggi se non ci fosse stato tutto quello che è successo prima.

3# Vedere col paraocchi

Pensare in modo schematico ed essere schiavi delle abitudini da un lato ti semplifica la vita, dall’altro rallenta la tua reattività di fronte a eventi imprevisti. Avere una mente agile e attenta al dettaglio aiuta moltissimo quando si tratta di prendere delle decisioni rapide e urgenti.

Evita di mettere il pilota automatico al tuo cervello e cerca sempre di spezzare la routine quotidiana, facendo ogni tanto qualcosa di nuovo e inedito.

4# Cercare conferme dei tuoi pregiudizi

La somma delle tue esperienze pregresse ti cuce addosso un abito mentale che spesso offusca la tua capacità di valutare serenamente e obiettivamente persone e situazioni. Purtroppo non sempre gli eventi del passato possono offrirti la giusta chiave di lettura di un fenomeno o di una persona.

Immagina di essere un addetto alla selezione del personale per un’azienda importante. Ti si presenta un giorno un tizio vestito con abiti etnici, un vistoso piercing nel naso e un aspetto trasandato. Quale sarebbe la tua prima impressione?

5# Temere la disapprovazione degli altri

La storia insegna che molte menti brillanti sono state profondamente anti­conformiste. Ma è difficile andare controcorrente se per tutta la vita hai cercato l’approvazione dei tuoi genitori, poi dei tuoi insegnanti, dei tuoi superiori e infine della società.

In effetti ci sentiamo più a nostro agio se i nostri comportamenti suscitano l’approvazione altrui e nello stesso tempo siamo a disagio quando facciamo scelte che incontrano il disappunto dei colleghi o dei superiori.

Eppure almeno una volta potrà capitarti di prendere una decisione che vada contro le consuetudini o le politiche della tua azienda, dei tuoi colleghi, o persino dei tuoi familiari.

Magari per scoprire che la tua era un’idea vincente.

6# Attuare la tattica dello scaricabarile

Ti sarà capitato innumerevoli volte di assistere a talk­show televisivi dove sono presenti dei politici e di renderti conto come nessuno voglia assumersi la responsabilità per errori commessi durante quella o quell’altra legislatura.

Ecco, credo di averti descritto in modo efficace la tattica dello scaricabarile. Se tendi anche tu ad addossare la responsabilità di una situazione andata storta a qualcuno, ad una situazione sfavorevole o semplicemente alla sfortuna, non farai un passo in avanti nella soluzione di un problema, semmai ne farai dieci indietro.

Essere responsabili delle proprie decisioni e soprattutto del proprio progetto, anche quando va male, porrà le basi per superare al meglio il momento critico, innescare una sana autocritica e ripartire alla grande.

Abbiamo visto in questa breve carrellata un compendio dei comportamenti che più di tutti portano le persone a deviare dai loro progetti e impedire il superamento di ostacoli e difficoltà.

Cambiare si può, si deve, se si vuole ottenere qualcosa nella vita e nel lavoro. Pianificare, progettare, sono attività indispensabili, ma a volte occorre fare uno sforzo in più per rimanere allineati con i propri obiettivi.

Spero di averti fornito qualche spunto di riflessione e, a tal proposito, ti invito a lasciare una tua testimonianza che racconti un momento critico e cosa è successo poi.

Alla prossima.

Potrebbero piacerti anche...

Condividi su questi social:
Pubblicato in Raggiungere i propri obiettivi
Tag , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Le Guide di PadronedelTempo

La Guida per te che cominci un'attività o sei un freelance. Fai click sull'immagine qui sotto.
E-cover guida alla gestione del tempo

Il Report sulle "10 Tecniche di Rilassamento Semplici ed Efficaci". Fai click sull'immagine qui sotto.
E-cover report 10 tecniche di rilassamento

Conosci Timerepublik?

Se non sei iscritto a Timerepublik, allora devi assolutamente provare questa Banca del Tempo... Se sei iscritto, puoi donarmi un po' del tuo tempo collaborando al mio progetto. Fai click sul banner qui sotto: