Foto di una scrivania con un orologio digitale, per rappresentare il tempo che scorre.

Brian Tracy: biografia e consigli di un grande motivatore

Continuiamo la nostra indagine sui maestri della gestione del tempo, occupandoci oggi di una figura di spicco della categoria. Parleremo di Brian Tracy, autore prolifico e conferenziere instancabile, che ha saputo fare della costanza il suo cavallo di battaglia.

Chi è Brian Tracy

Nasce il 5 gennaio 1944 a Charlottetown sull’Isola del Principe Edoardo (Canada), e giunto all’età di 73 anni conta all’attivo la pubblicazione di oltre settanta libri prevalentemente incentrati su come aumentare la produttività e gestire al meglio il proprio tempo.

Prima di fondare la compagnia di consulenze di cui è tutt’oggi CEO, Tracy ha sempre alternato la sua vita lavorativa nei diversi settori del commercio, degli investimenti e dello sviluppo immobiliare con quella di scrittore prolifico, consulente manageriale e insegnante.

Nel 2001 fonda la Brian Tracy International, e da allora pone fine ad ogni collaborazione per conto terzi e si dedica esclusivamente ad una attività di consulenza, individuando fra i beneficiari dei suoi insegnamenti le più disparate categorie, dal direttore della multinazionale al self-made men.

Stando all’autobiografia riportata sul suo sito personale, nella sua lunga esperienza come consulente Tracy ha collaborato con oltre 1.000 agenzie ed ha tenuto più di 5.000 discorsi pubblici in oltre 70 paesi sparsi sui sei continenti, raggiungendo una ragguardevole cifra di utenza, pari a più di 5 milioni di persone.

I campi delle sue indagini spaziano fra le categorie dell’economia , della psicologia, della storia, della filosofia e del business.

Grazie alla lunga esperienza sul campo ha potuto sviluppare un know how di competenze che riversa periodicamente nei suoi libri, alcuni dei quali sono diventati best seller: fra questi citiamo almeno i tre capisaldi Eat That Frog, Earn What You’re Really Worth e forse il più famoso di tutti: The Psycology of Achievement. Questi tre (insieme a molti altri) sono stati tradotti in tutto il mondo e quindi anche in italiano; per chi fosse interessato ad una “full immersion” nella filosofia tracyana, sono disponibili su Amazon Italia.

Migliorare la propria produttività grazie ai consigli di Brian Tracy

Non solo libri. La sterminata opera dell’autore contempla anche centinaia di lezioni audio e video, blog post e interventi-bignami sui più popolari social network.

Nonostante un’età quasi veneranda, Tracy è infatti attivissimo non solo nel tenere conferenze di persona, ma anche nell’aggiornare con una certa frequenza tutti i suoi canali di comunicazione, con una particolare attenzione al blog e al canale YouTube: a tal proposito basi pensare che il suo sito conta oltre 750.000 sottoscrizioni, mentre circa due milioni di utenti lo seguono su Facebook, 400.000 su Twitter e mezzo milione su YouTube.

Alcune delle risorse messe a disposizione, com’era prevedibile immaginare, sono accessibili solo dietro pagamento, ma altre sono gratuite. Ed è proprio su queste che ci concentreremo per scandagliare meglio i pensieri di uno dei consulenti più apprezzati dell’ultimo trentennio.

Blog

Partiamo dal blog, aggiornato su base mensile e consultabile come “branca” del sito ufficiale briantracy.com.

Come si diceva sopra, alcuni contenuti sono a pagamento, mentre altri sono gratuiti; nelle prossime righe ci concentreremo solo sui secondi.

Fra i post più cliccati, non deve sorprendere se troviamo quelli riportanti liste di vario genere, strumenti che per loro stessa natura si presentano più attrattivi e di rapida consultazione.

“26 citazioni motivazionali sul successo” è una delle liste più consultate

Le citazioni, si sa, sono lo strumento più immediato di comunicazione: richiedono a chi le condivide uno sforzo mentale minimo e riescono a inviare in maniera diretta e pragmatica il messaggio desiderato. Ne riportiamo alcune fra quelle che Tracy ritiene più incisive:

“Il pessimista vede difficoltà in ogni opportunità. L’ottimista vede un’opportunità in ogni difficoltà”

Questa frase è attribuita a Winston Churchill, un uomo che venne considerato politicamente finito al termine della prima guerra mondiale… e poi vinse la seconda. Quasi da solo.

“Il modo migliore di cominciare consiste nello smettere di parlare e cominciare ad agire” – Walt Disney

E detto da chi è riuscito a creare un universo di felicità nonché un impero multimilionario, non può che avere un alto tasso di credibilità.

“Se stai lavorando su qualcosa a cui tieni davvero, non hai bisogno di pressioni. Saranno le tue idee a spingerti più in là.”

Frase di Steve Jobs, colui che – possiamo dirlo senza timore di smentita – più di ogni altro è riuscito a rivoluzionare il modo di approcciare alla tecnologia nel terzo millennio.

“La conoscenza non è tutto; dobbiamo applicarci. Volere una cosa non è sufficiente; dobbiamo farla”.

Aforisma di Goethe, uno dei più grandi letterati di tutti i tempi.

“La creatività è l’intelligenza che si diverte” – Albert Einstein

“Capire cosa è giusto senza agire è una mancanza di coraggio” – Confucio

“Rendi la tua vita un capolavoro; immagina che non esistano limiti a ciò che puoi essere, avere o fare.” – Brian Tracy

I 4 esercizi della mente

Ma Tracy non è diventato famoso solo per condividere citazioni altrui. Gran parte del suo successo si deve alle sue capacità di elaborare metodi per migliorare la gestione del tempo e la produttività, e considerando che questi due temi costituiscono la spina dorsale di Padrone del Tempo, ci pare come minimo doveroso riportarli nella prospettiva di Tracy.

Secondo l’autore, infatti, sei tu che hai il potere di scegliere in ogni circostanza se essere efficiente o disorganizzato, concentrato o distratto, proattivo o pigro. Positivo o negativo.

Sei tu, in altre parole, che hai facoltà di decidere la qualità della tua vita, e quindi come gestire il tuo tempo, di quali persone circondarti, a quali modelli fare riferimento, quali decisioni prendere.

Al netto di (o meglio, come corollario a) tutto ciò, Tracy individua quattro esercizi mentali da effettuare se possibile su base quotidiana ti aiuteranno non solo ad aumentare la tua produttività, ma anche a gestire al meglio le tue prestazioni in ogni ambito, e quindi migliorare il tuo stile di vita. Nello specifico, si tratta di:

  1. Usa asserzioni positive

La positività ha una potenza intrinseca tale da migliorare la giornata (e quindi la vita) di chiunque senza che questi se ne accorga.

Ripetersi o circondarsi di frasi motivazionali genera un circolo virtuoso, un percorso che parte dal conscio e arriva al subconscio, lavora lentamente ma inesorabilmente e finisce col trasformarsi in uno stato di benessere generale.

Che in altre parole è il primo passo da affrontare per gestire un progetto di successo.

  1. Usa le immagini per programmare il tuo subconscio

Le immagini mentali influenzano il subconscio in maniera profonda e tangibile: la persona che visualizzi quando chiudi gli occhi dovrebbe essere la persona che sei, e se ancora non sei quella persona, dovrai visualizzare quella che vorrai diventare.

Per diventare quella persona devi innanzitutto pensare positivamente (vedi il punto di sopra) e devi riuscire ad elaborare un preciso piano di lavoro.

Di sistemi organizzativi dalla comprovata efficacia ne esistono moltissimi, e alcuni di questi sono anche stati descritti su Padrone del Tempo.

Per citarne un paio fra i più famosi, consigliamo la lettura del metodo Get Things Done di David Allen o della sua evoluzione, lo Zen To Done di Leo Babauta.

  1. Rilassati e medita

Prendersi un momento per sé stessi è fondamentale se si deve gestire un progetto di successo.

E per farlo bisogna trovare un luogo in cui ritirarsi di tanto in tanto, in silenzio e solitudine: le affermazioni positive e la proiezione della propria immagine che riesce a superare brillantemente un determinato momento saranno accessori fondamentali affinché la meditazione possa dare i suoi frutti.

  1. Immagina di essere il vero Padrone del Tempo

Dopo che sarai riuscito a circondarti di affermazioni, immagini e momenti positivi, la quarta fase è quella in cui bisogna “spingere”. Tutta la positività che costruisci attorno a te infatti può risultare inutile se non riesci ad inquadrarla in una cornice ben definita.

Allora diventa fondamentale immaginarsi nella piena autonomia delle proprie azioni e nella totale padronanza del proprio tempo.

Ed in base al “dipinto” che avrai realizzato dovrai comportarti di conseguenza. L’atto di immaginare una situazione perfetta è un esercizio molto più utile di quello che si possa credere: solo così, infatti, riuscirai a capire a fondo cosa hai ottenuto fino a questo momento, e cosa ti manca per raggiungere quella perfezione. 

L’attività di Brian Tracy sui Social Network

Come dicevamo sopra, Tracy è molto attivo anche sui social network, che utilizza con sapiente differenziazione di contenuti.

Gli account Twitter e Facebook, ad esempio, fungono più che altro come un supporto marketing alle attività conferenziali ed editoriali di Tracy.

Su queste pagine dunque non troverai consigli veri e propri su come migliorare gestione del tempo e produttività, ma costituiscono un ottimo mezzo per non perdere nessuna novità proveniente dall’universo-Tracy.

Di diverso tenore è il canale YouTube, che oltre a raccogliere alcuni degli interventi più famosi dell’autore propone agli iscritti tante perle di cui fare tesoro.

Molti video vengono realizzati sulla falsa riga di un post per il blog, pertanto ne troveremo uno sulle abitudini dell’individuo di successo, o sulle 5 ragioni per cui molti non riescono a diventare ricchi, o ancora sulle 7 chiavi per modellare una personalità positiva, per citare solo i tre più visionati.

L’offerta in realtà è ben più ampia, copre moltissime aree di indagine, e lasciamo al lettore il piacere di cercare il video che più si confà ai suoi interessi.

Inutile aggiungere che ognuno di questi è realizzato in lingua inglese, quindi chi è completamente digiuno della lingua di Albione avrà qualche difficoltà a comprendere di cosa si parli.

Per chi invece ne ha anche una minima conoscenza, il consiglio di visionarli è duplice: vista la chiarezza con cui si esprime Tracy, non solo si migliorano le proprie conoscenze sulla gestione del tempo, ma si fa anche utile esercizio di perfezionamento linguistico.

Altre risorse gratuite

Infine, per coloro che hanno un’estrema sete di sapere, ancora sul blog indichiamo la sezione free resources, nella quale sono presenti strumenti di vario tipo che potrebbero tornare utili a chi ha ambizioni di diventare un guru della produttività.

Quello che pare il più interessante di questa sezione è un file audio denominato:  30 minuti per imparare a controllare il tuo cervello, ovvero come cambiare letteralmente le tue onde cerebrali.

Anche in questo caso, se si ha una minima intelligibilità della lingua inglese il consiglio di scaricarlo e ascoltarlo è più che doveroso.

Per riassumere

A differenza di molti suoi colleghi di settore, Brian Tracy non è famoso tanto per aver elaborato un metodo di produttività a cui il suo nome viene accostato per antonomasia, quanto piuttosto per aver eseguito un lavoro di ricerca, produzione e condivisione del sapere a tutto campo e per oltre trent’anni.

Il numero impressionante di conferenze e di talk a cui ha partecipato, spinto anche dall’enorme mole di libri e contenuti multimediali che pubblica con certosina e instancabile puntualità, fanno di lui un maestro della gestione del tempo poliedrico, multi-competente e multi-disciplinare.

Fattore non da poco, in un mondo sempre più orientato verso l’unidirezionalità.

Avete avuto modo di leggere libro o un post di Tracy? Seguite già i suoi interventi in video o in conferenza? Fatecelo sapere nei commenti.

Enzo Santilli

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *